Ottimizzazione del controllo di processo e maggior sicurezza del personale durante la produzione di metallo ferroso

Dall'invenzione del convertitore Bessemer a metà del 1800 e i successivi sviluppi nella tecnologia a iniezione e nel controllo dei processi, la produzione in serie dell’acciaio è diventata parte integrante dell'economia mondiale.
Promat nella produzione di acciaio
Le soluzioni tecniche di isolamento Promat sono utilizzate per controllare le temperature di processo e ridurre la perdita di calore in ogni fase della sequenza di produzione dell'acciaio. Il controllo del processo, ottimizzato attraverso una gestione precisa della temperatura, permette un miglior monitoraggio della qualità e della metallurgia.

La produzione dell’acciaio a ossigeno basico è una versione raffinata del convertitore Bessemer in cui la soffiatura dell'aria viene sostituita con la soffiatura di ossigeno. Circa il 70% della produzione mondiale di acciaio è realizzata utilizzando il forno a ossigeno basico. Soffiando ossigeno attraverso la ghisa liquida si abbassa il contenuto di carbonio della lega e la si trasforma in acciaio. La produzione di acciaio con forno elettrico ad arco consiste nella fabbricazione di acciaio da rottami o ferro, ottenuto per riduzione diretta, fuso con archi elettrici. Questi sono conosciuti come processi primari di fabbricazione dell'acciaio. La produzione di acciaio secondaria è comunemente eseguita in siviere e spesso indicata come metallurgia in siviera in quanto è usata per aggiungere leghe e generalmente per modificare la chimica dell'acciaio.

Soluzioni Promat per la manipolazione dei metalli fusi
La ghisa liquida viene trasferita dall’altoforno all'acciaieria per mezzo di carri siluro. I carri siluro possono trasportare fino a 600 tonnellate di ferro e sono anche utilizzati per alcuni pre-trattamenti del metallo. Un sistema di isolamento Promat garantisce la minima perdita di calore dal metallo durante il trasferimento.

Promat – Un pacchetto completo di fornitura e di servizio
I nostri tecnici vi forniranno assistenza fin dalla fase di progettazione della vostra soluzione di isolamento, dopo approfondite analisi del vostro problema termico. Possiamo offrirvi, inoltre, misurazioni tramite termografia in aggiunta all'analisi termica transiente e fornirvi supporto con qualsiasi test indicativo di prestazione. Quando necessario, siamo in grado di fornirvi assistenza in fase di installazione e in occasione della messa in funzione presso la vostra sede.

Le sfide per l'isolamento utilizzato nella produzione dell’acciaio
  • Gestione termica, controllo della perdita di energia, ottimizzazione del controllo di processo.
 
  • Miglior controllo possibile della perdita di calore. Resistenza agli shock termici.
  • Resistenza alla compressione da carico di metallo fuso.
  • Non-combustibilità.
  • Resistenza ai danni derivanti dall’acqua durante l'installazione insieme a colate umide.
  • Design per il funzionamento ad alta temperatura in continuo senza deterioramento. Durabilità, essenziale per l'isolamento senza eccessivi ritiri o altri deterioramenti della prestazione.
  • Facilità di installazione dei componenti di isolamento.
  • Rapido ritorno sugli investimenti per l'isolamento, progettazione economica del sistema per l’esigenza di costi di manutenzione competitivi.

Promat può aiutarvi a risolvere tutte queste sfide. Grazie al nostro ampio portafoglio che comprende prodotti per l'isolamento con la più bassa conducibilità termica, possiamo progettare la soluzione tecnica che meglio soddisfi tutte le sfide di progettazione. Abbiamo appositamente progettato prodotti specifici per l'industria dei metalli ferrosi. Un sistema Promat non può essere battuto sulle prestazioni.

Soluzioni applicative

Siviere
Le sfide:
  • Aumento della colata continua.
  • Aumento del tempo di ritenzione della siviera meno energia necessaria per il preriscaldamento e il riscaldamento.
  • Aumento della lavorazione metallurgica secondaria all'interno della siviera per temperature e viscosità costanti.
  • Ridurre il calo della temperatura.

La soluzione:
  • STEELFLEX® tra il guscio della siviera e il rivestimento in ceramica

Benefici:
  • Riduzione delle perdite di calore attraverso il guscio.
  • Il guscio di raffreddamento espande meno fornendo un rivestimento più aderente.
  • Il minore shock termico nei mattoni ha come risultato un’espansione più uniforme. Meno spazi vuoti tra i mattoni. Minore tendenza alla deformazione. Migliore resistenza alla penetrazione dell’acciaio fuso.
Paniere
ALa paniera viene utilizzata per alimentare il metallo fuso in una lingottiera per evitare spruzzi e dare una maggiore fluidità. La paniera permette a un serbatoio di metallo di alimentare la macchina di pressofusione, mentre le siviere vengono commutate in modo da agire sia come un buffer del metallo caldo, sia per appianare il flusso, regolando l’alimentazione del metallo agli stampi e pulendolo.

La sfida:
  • Ottimizzare il flusso di metallo e la qualità.

La soluzione:
  • STEELFLEX® tra il rivestimento esterno della paniera e il rivestimento in ceramica.

I benefici:
  • Assistenza nel mantenere la temperatura dell’acciaio e la viscosità costanti.
  • L’accurato controllo della temperatura e del flusso è essenziale per assistere le molteplici operazioni metallurgiche e il processo di omogeneizzazione che si verificano all'interno del flusso della paniera.
Siviere a siluro
Le siviere a siluro trasferiscono il ferro fuso dall’altoforno all'impianto siderurgico.

La sfida:
  • Lunghi periodi di tempo in movimento a cui conseguono problemi di mantenimento della temperatura.

La soluzione:
  • Isolamento MICROTHERM®.

I benefici:
  • Consente l’utilizzo di uno spessore di rivestimento molto più sottile e senza perdita di efficienza termica.
  • Maggiore capacità portante della siviera.
  • Miglior controllo della temperatura e della viscosità del metallo fuso.
  • Riduzione del calo di temperatura durante il trasporto.
Altoforno
Applicazioni dei prodotti Microtherm®:
  • Soffiatura di aria calda/tubi di soffiaggio.
  • Valvole, soffietti e raccordi aria calda.
  • Guide e condotti del ferro.
  • Coperture dei condotti.

Unità di degassaggio:
  • Pareti dei vasi.
  • Gambe.
  • Camera in pressione superiore.
Altre applicazioni
Forno elettrico ad arco
I forni elettrici ad arco operano a temperature di circa 1800 °C con una capacità fino a 400 tonnellate. Un isolamento efficiente può apportare un notevole miglioramento all’efficienza operativa.

Una tipica soluzione Promat comprende:
  • Mattoni refrattari di magnesia carbonica (MgO-C).
  • Mattoni refrattari leggeri PROMATON®.
  • Isolamento di rinforzo microporoso PROMALIGHT®.

Forni di trattamento termico per ferro e acciaio (compresi i longheroni)
  • Ridurre il tempo di riscaldamento e la perdita di calore attraverso le pareti.
  • Uniformità della temperatura nelle diverse zone di riscaldamento.
  • Ridurre le temperature dei gusci vicino alla zona del bruciatore per la sicurezza del personale.

Batterie di forni da coke